NELLA TERRA DEI LIKE


Nel volo verso nuovi umanesimi, stiamo facendo scalo nella terra dei like. Il decollo è avvenuto dalla terra della coerenza, dov’era considerato un valore mostrarsi per quel che si è: dico quel che faccio; racconto quel che sono. Lasciata quella terra sicura, siamo transitati dalla terra dell’apparenza: mi mostro, quindi sono; appaio, quindi valgo. Infine, da poco più di un lustro, anche la terra dell’apparenza è stata semi-abbandonata ed abbiamo iniziato a colonizzare la magmatica terra dei like: non solo dico e faccio, ma addirittura penso ciò che ottiene consenso o che, quantomeno, non solleva dissenso.

In questa nuova terra, si percorrono prevalentemente due strade. La prima è la novità: basta scorrere YouTube per trovare milioni di visualizzazioni a video di “cose mai viste prima”: dal leone che abbraccia scodinzolante il suo padrone, al sacerdote in paramenti liturgici che, ad un matrimonio, canta e balla “Mamma Maria”. Siccome non son cose di tutti i giorni, ecco scattare il consenso. Tuttavia, la strada della novità nella terra dei like è difficile da percorrere ed è molto breve: tutto nasce e finisce con il consenso che si riceve e chi lo offre è già pronto a cercare altro.

La seconda strada è l’uniformità, meno insidiosa della prima e, per questo, più praticata: che corrisponda o meno al vero, nella terra dei likel’uniformità porta a mostrarsi contro il bullismo, il razzismo, l’odio, le fobie e la para-fobie; a dirsi costruttori di ponti, dialoganti, accoglienti, multiculturali. Man mano però che si percorre questa strada, avviene un’evoluzione antropologica:il pensiero smette di essere articolato, declinato, sfumato, per divenire pensiero semplice (mi piace-non mi piacee poi pensiero unico (mi deve piacere-non mi deve piacere). Siamo così portati a censurare il nostro stesso pensiero, quello che, per esempio,  fa rabbrividire quando si viene a sapere che nel cuore dell’Europa un minore ha subito l’eutanasia. Si tratta di una notizia-novità passata nel soffio stesso del suo racconto e finita nel dimenticatoio, pronta per un’altra novità. In più, la mancanza di reazioni significative ci induce a credere che il pensiero stesso, quello che si indigna per cani e gatti maltrattati, diventa uniformemente muto quando si ritiene che qualcosa abbia già tutti a favore, finendo così per accettarla senza discussioni. Succede così che il pollice alzato nella terra dei like, al contrario di quanto avveniva nelle arene romane, finisca per significare morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *