La Comunità Gesù Risorto… e Papa Francesco

DSC_0087Il 21 Marzo, la Comunità Gesù Risorto della diocesi di Napoli, ha prestato servizio d’ordine in Piazza del Plebiscito per la Celebrazione della S. Messa presieduta da Papa Francesco. Più di 50 fratelli, sono stati chiamati a svolgere con privilegio questo compito.

Siamo giunti in piazza alle 6.00 del mattino, perchè era previsto l’arrivo di tantissime persone, senza contare quelle che avevano i posti a sedere, e quindi come siamo soliti fare ai convegni, abbiamo fatto accoglienza cercando di rendere l’attesa meno stancante. Alle ore 10.30 il Santo Padre è arrivato in piazza a bordo della sua Papamobile, una folla festosa lo ha acclamato e osannato sventolando bandierine e striscioni colorati. Come suo solito, il Papa ha fatto fermare la vettura più volte per baciare i bambini che con entusiasmo gridavano il Suo nome. Giunto in Cattedrale, un coro di più di 500 cantori lo ha accolto con uno splendido canto di lode.

Tutti i fratelli della C.G.R. erano dislocati nei vari settori, ma sono convinta che l’emozione ci ha accomunato tutti nello stesso modo, soprattutto quando il Papa ci ha invitato a gridare più volte “Gesù è il Signore”. Abbiamo ascoltato con commozione l’omelia, fatta di semplici parole, ma che hanno dato al nostro popolo la speranza, quella stessa speranza che Papa Francesco, ci ha chiesto di non perdere, assieme alla dignità, quella che a volte per favorire gli interessi di qualcuno, con il solo desiderio di ricevere uno spiraglio di luce, nei tanti momenti bui che ci attanagliano, perdiamo.

Come poi succede a Fiuggi, ci siamo ritrovati insieme per la recita del Padre Nostro, in attesa di accompagnare ministri e diaconi per la distribuzione dell’Eucarestia. Il clima che si respirava, era quello di un megaConvegno, perchè i fedeli si sono comportati con la stessa compostezza, e quest’atteggiamento da parte loro, ha fatto sì che una volta rientrati ai nostri posti, riportasse tutti noi della Comunità, alle medesime sensazioni.

Altre grandi emozioni le abbiamo provate quando il Cardinale Sepe ha regalato al Santo Padre un bellissimo calice, ed ha letto per Lui parole sentite definendo Papa Francesco uno che ha naso, che ha fiuto, insomma un “napoletano”. Il congedo poi è stato festeggiato intonando ” ‘O sole mio”, quel sole che Lui ha portato in tutti noi in uno splendido primo giorno di primavera. Vogliamo ringraziare di cuore Papa Francesco, perchè ha donato alla C.G.R. la possibilità di essere presente, per donare il nostro servizio ad un uomo “semplice” che come noi ama la gente, ci ama tutti come fratelli e ci ha detto: “RICORDATEVI CHE GESU’ E’ RISORTO”!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *