I “FRA’n’Sis” : un gruppo di vocalist composto da frati e suore

“FRA’n’Sis” : un gruppo di vocalist composto da frati e suore. Cantano il loro primo singolo  “Hallelujah“,  prendendo come spunto la celebre canzone Hallelujah di Leonard Cohen, riadattando il testo in chiave cristiana.

Conosciamo meglio i nostri artisti:

  • Nando Misuraca, Produttore.

387020_4213658833127_1351998012_n

Come hai conosciuto Fra Francesco?

Nando: Sono produttore e arrangiatore. Ho una etichetta  indipendente  “SUONO LIBERO MUSIC”, a Napoli, a servizio soprattutto dei ragazzi. Fra Francesco e’ venuto a benedire il mio studio. Dopo qualche mese sono stato contattato da lui e abbiamo iniziato a lavorare su questo bellissimo progetto con l’idea di creare un qualcosa che potesse raggiungere anche coloro che non frequentano la Chiesa, per far vedere loro che essere cristiani è bello,  e che Gesù è la nostra stella cometa da seguire per trovare la giusta strada.

 

Mi parli della stesura del testo?

Nando: non è stato semplice. Dovevo riadattare il testo di Leonard Cohen, prendendo come spunto la lettera “Rallegratevi” di Papa Francesco scritta per “l’Anno della Vita Consacrata”. Dopo la mia prima stesura, vi sono stati dei religiosi che hanno revisionato ciò che avevo scritto, per cercare di far calzare le parole giuste, come se fosse un bell’abito da indossare. In poco più di 48 ore abbiamo realizzato il brano.

 

Come ti sei trovato a coordinare i “FRA’n’Sis”?

Nando: E’ stato davvero bello. Per me è prassi fare brani, videoclip, dirigere gli artisti. Questi religiosi, (frati e suore) si sono buttati anima e corpo in questo progetto musicale. Hanno una grande forza comunicativa. Si sono veramente lanciati con il cuore, seguendomi passo dopo passo, e devo dire che si sono comportati molto meglio di tanti cantanti professionisti. Loro sono mossi davvero dal desiderio di evangelizzare attraverso la musica, con la volontà di donare amore al prossimo. Sono stato davvero contento di poter collaborare con loro.

 

 

  • Fra Francesco Mauro del Grosso, Frate Francescano.

 

10402028_10203814916790283_5641843404384362777_nCome hai vissuto spiritualmente questa collaborazione musicale?

Fra francesco:  sono frate minore francescano in un convento sito a Orta di Atella, in provincia di Caserta. Questa canzone non è nata per caso, ma da un mio bisogno personale legato alla lettera di Papa Francesco ove sprona i religiosi e consacrati a diffondere un messaggio universale di speranza, pace, uguaglianza e solidarietà. Allora mi sono posto la domanda: che cosa posso fare per trasmettere un messaggio con contenuti forti? Quindi pensai di lavorare sull’Allelujah di Leonard Cohen, trasformando il testo originale profano in un testo cristiano.

 

Quanto tempo avete impiegato per la realizzazione del brano?

Fra Francesco: con Nando abbiamo lavorato in pochissimi giorni ed il Signore ci ha guidato in questo progetto. La canzone è stata registrata in un pomeriggio ed il video in meno di una giornata. Neanche se fossimo dei professionisti!  E’ stato lanciato il 24 dicembre pomeriggio ed in pochissimo tempo ha avuto tantissime condivisioni fino al punto di essere presenti in testate giornalistiche come il Mattino di Napoli, la Repubblica, ma anche fuori dalla Campania e anche all’estero. La cosa simpatica è che su wapp mi sono arrivati gli auguri  con il mio videoclip.

 

Dal video si percepisce un clima la preghiera.  Nella parte finale tu congiungi le mani.

Fra Francesco: quella scena non era voluta. Era stata una giornata di dicembre, stupenda, piena di sole. Salii sugli scogli per contemplare quel meraviglioso tramonto, con la brezza marina che accarezzava i nostri volti.  Il cameramen, Marco Pesacane, mi dice: “Francè fermati li’, sullo scoglio, e non ti muovere. Devo riprendere questa scena”. Ho vissuto quegli attimi come se fossero davvero una preghiera. Ogni singola azione è stata fatta come se fossimo a contatto con Dio. Ringrazio Nando e la sua etichetta “SUONO LIBERO MUSIC” per averci ben coordinati realizzando il nostro primo videoclip

 

articolo scritto da Angelo Savarino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *