Educare ai tempi di YouTube si può.

youtube

 

“10 anni fa YouTube non esisteva”. L’ho detto ieri a mia figlia, classe 2000, che credeva fosse sempre esistito come un pianeta del suo sistema mediale, ma così è: YouTube è nato solo nel 2005 dalla mente di tre ex dipendenti di PayPal: Chad Hurley, Steve Chen e Jawed Karim. L’acquisto da parte di Google nel 2006 ha fatto diventare questa piattaforma la più grande videoteca del mondo, mettendola irrevocabilmente sulla strada di bambini, adolescenti e giovani e di chi si dedica alla loro educazione, come la famiglia, la scuola e le comunità cristiane in primis.

Su YouTube contano solo i numeri: l’obiettivo infatti è avere tante visualizzazioni, magari anche comprandole a modici prezzi, tipo 300 Euro per 250mila click; non ha invece alcuna rilevanza il contenuto, la qualità, artistica o etica che sia. Se un video ottiene milioni di visualizzazioni, nella cultura YouTube, significa che è buono e assurge a verità dogmatica. Per diversi video musicali, ad esempio, i numeri delle visualizzazioni sono centinaia di milioni, ma solo 2 video hanno superato il miliardo: “Gangnam Style” del coreano Psy con circa 2,3 miliardi di click, e “Baby” del teenager americano Justin Bieber con circa 1,1 miliardi. Colpiti dal virus dell’autocensura, a nessuno verrebbe in mente di dire, per esempio, che Gangnam Style non è né più né meno che un ballo animato (un “ban”) di un nostro oratorio, le cui attività continuano però a meritarsi il compassionevole “cose da oratorio” anche da parte di chi vi partecipa. Sempre per esempio, a nessuno verrebbe in mente di dire che “Baby” non solo non ha un accenno di poesia, ma nemmeno una metafora, un’immagine come la strausata “sei bella come il sole”; nessuno sforzo nella scrittura, tutta un “lo sai che mi ami, lo so che ti interesso, semplicemente urla quando vuoi e io ci sarò”. Ed eccoci al punto: pare ormai che quasi tutto il mondo educante sia prono a questa sottocultura dei numeri, impotente e rassegnato, un po’ nascosto dietro il “cosa ci posso fare, con i miseri mezzi che ho?”. In realtà è possibile fare non solo molto, ma tutto se, nelle nostre comunità cristiane, anche nell’oratorio della provincia o della periferia più remota, tra un biliardino e un ping-pong, parliamo, incontriamo ed educhiamo figli e genitori, fossero anche due o tre, spiegando loro che “milioni di visualizzazioni” non significano né bello, né buono, né vero. Ce la possiamo fare: basta crederci, aiutarci e farci aiutare.

Marco Brusati

Direttore di Hope – Formazione Spettacoli ed Eventi al servizio della Chiesa

www.hopeonline.it


AGENZIA COMUNICATIOUFFICIO STAMPA ASSOCIAZIONE HOPE

-- Agenzia Comunicatio
Via di Porta Cavalleggeri 127, Roma 00165
Tel. 06.87.77.76.09
Fax. 06.83.79.68.85
Gianluca Scarnicci 320.43.43.394
Giuseppe Pallotta 331.95.23.113
Matteo Guerrini 345.11.67.736

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *